PDA

View Full Version : L'albero


julietteki
18th May 2008, 00:50
Diverse dottrine simboleggiano l'ascesa (o la discesa) attraverso l'Albero. Cristo viene assunto al cielo mediante il passaggio sulla croce (costruita col legno di un albero), Siddhartha raggiunge la buddhità ai piedi dell'albero, ad Angkor Vishnu è rappresentato sulla base, sul tronco e sulla cima dell'albero della Boddhi.

Allo stesso tempo, nello Zohar l'Albero della vita si estende dall'alto verso il basso, nelle Upanishad l'universo è un albero rovesciato.

Nei Tarocchi, la lama del cambiamento è l'arcano XII, l'Appeso.

Quando e se ne avrete voglia, vorrei le vostre riflessioni sul rapporto fra questi elementi (ed altri, naturalmente).

Saluti e baci.

http://img186.imageshack.us/img186/9656/masacciocrocifissione14xi9.th.jpg (http://img186.imageshack.us/my.php?image=masacciocrocifissione14xi9.jpg)

Kalidor
18th May 2008, 01:19
Gesù è stato assunto in cielo dopo la resurrezione.

julietteki
18th May 2008, 01:44
Che è un modo come un altro per dire che il soggetto non t'interessa? :asd:

PsYchotiK
18th May 2008, 02:03
La palma è un albero molto innamorativo. La palma per amore diventa languida, ed essendo innamorata e non la soccorrendo, si secca, né manca mai in lei l'affezione d'amore, se non quando le si promette lo sperato congiungimento dell'altra palma amata. Ei si vede che l'ha le fronde passe, non fa frutto e si sta come negletta. Onde i prudenti agricoltori facilmente s'accorgono che l'è innamorata, ma non sanno già di qual altra palma ella sia innamorata. Però essi vanno ora a questa e ora a quella palma, l'abbracciano e baciano, di poi tornando alla palma innamorata e toccandola e baciandola, facilmente s'accorgono a cui ella abbia affezione, perché ella a queste carezze comincia a rallegrarsi e rizzar le foglie. Però il contadino bisognerà che vada all'amata palma e l'abbracci e baci e ritorni dall'amante, quasi come messaggiero che porti quei baci e farà bene a pigliar de' fioriti ramuscelli dell'amata e gli sospenda a' rami dell'amante. Peroché a questa foggia si mitiga la forza d'amore, ed ella diventando bella, produce suavissimi frutti.


Gaudenzio Merula, Nuova selva di varia lettione, divisa in cinque libri. Tradotta di latino in lingua italiana, Venezia, Gio. Andrea Valvassori detto Guadagnino, 1559, pp. 366-67.

Kalidor
18th May 2008, 02:09
A me piace sedermi sotto gli alberi, abbracciare gli alberi, guardare gli alberi ... sono un hippie :asd:

julietteki
18th May 2008, 02:26
sapevo di poter contare su PsYchotiK :asd:

julietteki
18th May 2008, 02:27
va bene incremento.

Porta del Cancro, Porta del Capricorno. questa è superlusso.

Duke#
18th May 2008, 05:59
Diverse dottrine simboleggiano l'ascesa (o la discesa) attraverso l'Albero. Cristo viene assunto al cielo mediante il passaggio sulla croce (costruita col legno di un albero), Siddhartha raggiunge la buddhità ai piedi dell'albero, ad Angkor Vishnu è rappresentato sulla base, sul tronco e sulla cima dell'albero della Boddhi.

Allo stesso tempo, nello Zohar l'Albero della vita si estende dall'alto verso il basso, nelle Upanishad l'universo è un albero rovesciato.

Nei Tarocchi, la lama del cambiamento è l'arcano XII, l'Appeso.

Quando e se ne avrete voglia, vorrei le vostre riflessioni sul rapporto fra questi elementi (ed altri, naturalmente).

Saluti e baci.

http://img186.imageshack.us/img186/9656/masacciocrocifissione14xi9.th.jpg

Quantomeno introduci un discorso, così come l'hai proposto il thread sarebbe solo l'intersezione tra l'insieme "religioni e dottrine" e l'insieme "legno" :D

Potrei semplicemente dire che Gesù è stato crocifisso tramite il legno di un albero perchè le croci di marmo sarebbero risultate pesanti. :)

Humus
18th May 2008, 11:26
Strumentalizzi Gesù Cristo per lodare gli alberi :asd:

Gesù tramite la croce non fa nulla, Gesù in croce ci muore e resuscita 3 giorni dopo. L'evento importante non è la sua mera morte fisica, con cui si sacrifica per l'umanità. Essa assume rilevanza solamente con la sua resurrezione (scolasticamente si dice che i protestanti guardano alla risurrezione, i cattolici alla morte in croce. Nella realtà si guarda ad entrambi con la stessa devozione). Il materiale della croce non simboleggia assolutamente nulla, come anche la sua forma (per i TdG era un palo, per molti credenti, come mostra Zeffirelli, trattasi di una sorta di impalcatura smontabile). Ciò che fa la differenza è la resurrezione, e non avviene grazie al legno ma per volontà di Dio. Puoi dire che la sua tomba era in una foresta e quindi tra gli alberi :sbonk:

:asd:

Dopo la resurrezione Gesù ancora non era assunto in cielo (il suo corpo era glorificato, questo si), come dice a Maria e ai Discepoli. L'assunzione al cielo (alla destra del Padre) avviene, per la Chiesa Cattolica 39 giorni dopo la Pasqua.

Parlando di alberi puoi però parlare delle Sephirot :sisi: .

Riguardo ai tarocchi a me viene in mente solo questo (http://www.spamula.net/blog/i28/mitelli10.jpg), a me però ricorda più le formiche o il grano :sisi:

Kalidor
18th May 2008, 14:56
L'ho già detto io Humus :|

Comunque credo che Julietteki voglia proporre un'analisi esoterica delle religioni e tradizioni, ala René Guenon.

PsYchotiK
18th May 2008, 15:08
Qualcuno mi sa spiegare il significato della crocifissione romana? Perché la croce latina pe fa' mmorì ammazzati quei poveracci?

Kalidor
18th May 2008, 15:45
Un modo come un altro per fare un'esecuzione crudele in pubblica piazza.

Humus
18th May 2008, 15:50
L'ho già detto io Humus :|



Andava precisato, tu hai scritto che è Gesù è stato assunto in cielo dopo la resurrezione. Il che è parzialmente vero, ma a leggersi così appare che è risorto ed asceso immediatamente :teach:. Nella realtà è risorto e per 40 giorni è apparso ai discepoli, solo dopo è asceso al cielo. Non è il caso di scaldarsi comunque :asd:

Qualcuno mi sa spiegare il significato della crocifissione romana? Perché la croce latina pe fa' mmorì ammazzati quei poveracci?

Uso romano, trovi molto su wikipedia, qui (http://it.wikipedia.org/wiki/Crocifissione#La_crocifissione_nell.27Impero_roman o) e qui (http://it.wikipedia.org/wiki/Modalit%C3%A0_della_crocefissione_di_Ges%C3%B9_sec ondo_i_Testimoni_di_Geova).

Che la croce fosse latina o greca o fosse a Tau (http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/7c/El_Greco_011.jpg) non aveva alcuna importanza. La forma era strumentale al fine:

Con la crocifissione si voleva provocare una morte lenta, dolorosa e terrificante, esemplare per chi ne era testimone: per stillicidia emittere animam, lasciare la vita goccia a goccia. Origene scrive: “Vivono con sommo spasimo talora l’intera notte e ancora l’intero giorno”. Per questo si adottava una serie d’accorgimenti che ritardavano la morte anche per giorni: per esempio un sedile o un corno, posto nel centro del palo verticale.

Lungo il cammino essi subivano strattoni e venivano oltraggiati, maltrattati, pungolati e feriti per indebolirne la resistenza. Bevande drogate (mirra e vino) e la posca (miscela d’acqua e aceto) servivano a dissetare, tamponare emorragie, far riprendere i sensi, resistere alla sofferenza, mantenere sveglio il crocifisso perché confessasse le sue colpe.

Raramente la morte veniva accelerata; se ciò accadeva era per motivi d’ordine pubblico, per interventi d’amici del condannato, per usanze locali. Si provocava la morte in due modi: col colpo di lancia al cuore o col crurifragium, cioè la rottura delle gambe, che privava il condannato d’ogni punto d’appoggio con conseguente soffocamento per l'iperestensione della cassa toracica (non è possibile espirare completamente e viene meno quindi l'apporto di aria ossigenata all'organismo).

Spesso nell'iconografia cristiana Gesù ha sotto i piedi un cuneo che ha appunto la funzione di sorreggere il corpo impedendo che finisse in tensione il tronco (provocando una morte per asfissia).

San Pietro venne invece crocifisso a testa in giù, (http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/79/Cruc_pet.jpg) così si narra, per sua richiesta (non voleva esser paragonato a Gesù). Il che non so cosa potesse comportare.

julietteki
18th May 2008, 17:44
L'ho già detto io Humus :|

Comunque credo che Julietteki voglia proporre un'analisi esoterica delle religioni e tradizioni, ala René Guenon.

Un'analisi. Una disamina degli elementi.

Per esempio, non importa tanto che Cristo sia stato assunto al cielo dopo la morte e resurrezione, o dopo un numero X di giorni.
Importa che il suo passaggio dal mondo 'di qua' al mondo 'di là' abbia come momento fondamentale la crocifissione. Non a caso è la croce il simbolo del cristianesimo, non la tomba, né il sudario. Il simbolo di cristo stesso è la croce intersecata dal rho. E' la croce che porta il rinnovamento (cosi' come il pesce, l'altro simbolo di Cristo).

Nella simbologia alchemica, la Terra è un cerchio sormontato da una croce.

]Ter'Angreal[
18th May 2008, 18:02
imho se cristo fosse vivo direbbe: togliete quel simbolo e rimpiazzatelo con un fulmine che esce dal sudario :look:

Kalidor
18th May 2008, 18:03
Per esempio, non importa tanto che Cristo sia stato assunto al cielo dopo la morte e resurrezione, o dopo un numero X di giorni.

In realtà importa, è cruciale più per me il frutto di tale ascensione che l'ascensione stessa.
Anche nel buddismo, non mi importa tanto il momento di illuminazione di Shakyamuni, quanto il lavoro di diffusione del Dharma successivo.

Porre tutta l'attenzione sui passaggi al divino è un approccio esoterico. E l'esoterismo è per gli iniziati.
Non è cruciale comprendere le dinamiche del passaggio ma è cruciale comprendere il messaggio, la parola, oppure il Dharma se vuoi, dato a noi e metterlo in atto.


Importa che il suo passaggio dal mondo 'di qua' al mondo 'di là' abbia come momento fondamentale la crocifissione. Non a caso è la croce il simbolo del cristianesimo, non la tomba, né il sudario. Il simbolo di cristo stesso è la croce intersecata dal rho. E' la croce che porta il rinnovamento (cosi' come il pesce, l'altro simbolo di Cristo).

La croce è il tramite tra Terra e Cielo, tra Dio e Uomo, identificata in Cristo. Simboleggia anche il rifiuto di Cielo e Terra, in quanto la persona crocefissa era disprezzata, in quel contesto, sia dagli uomini sia da Dio.
Questo serve a raccogliere fino agli "ultimi degli ultimi", i più reietti del mondo, perché siano salvi anche loro.

Inoltre la croce, come forse tutti i simboli mistici, esprime un dualismo: Uomo e Dio, Bene e Male, ascensione e discensione. Vedasi anche simboli come la stella di Davide oppure il Tao, esempio scontatissimo.

Kalidor
18th May 2008, 18:12
La Ruota del Dharma è un altro esempio di opposti appaiati: la ruota della dottrina che viene divulgata nel mondo (concetto fulcro del buddismo), quindi un'immagine dinamica.

Ricordo che chakra, in sanscrito la ruota, nel contesto buddista rappresenta il quarto aggregato, samskara, in sanscrito "formazione", cioè le azioni e abitudini che perpetuano il karma e quindi la rinascita. Che la Dharmachakra sia il simbolo chiave buddista è notevole, infatti la divulgazione della dottrina è un'attività condotta nel samsara.

La Dharmachakra si può anche collegare al sole rotante rappresentato dalla svastica sinistrorsa, un altro simbolo buddista fondamentale. Questa dinamicità è appaiata al fulcro della ruota immobile: il Nirvana o la Buddha-Natura dove non ci sono andare e venire, nascita e morte.

Questi opposti appaiati esprimono il significato della via del Bodhisattva, che

E' per strada, ma non si è mai mosso da casa;
è sempre fuori casa, ma non è per la strada.

(Hakuin Ekaku Zenji)

julietteki
18th May 2008, 21:59
ok vediamo se riesco a dare un po' di forma al mio discorso.

Cristo viene crocifisso sulla croce. Ora, questa croce E' l'albero, e Masaccio è molto chiaro in proposito. Poco importa se storicamente si crocifiggesse sul legno perché era più leggero del marmo, Cristo viene crocifisso sul legno e ci teniamo ai dati condivisi.

Se apriamo la Bibbia e cerchiamo l'albero, troviamo l'Albero dell'Eden (Ap., 22, 2). Com'è fatto? Ha 12 frutti, uno per ogni mese dell'anno. Quindi 12 frutti come i 12 settori dello zodiaco celeste.
Interessante: 12 come la lama dell'Appeso, che è l'arcano XII.

Quindi abbiamo una prima filza ipotetica Albero-Cristo-Iniziazione-Cambiamento.

Domanda 1: possiamo dire che Cristo è l'Appeso? Possiamo dire, in altri termini, che è l'Iniziato?

Duke#
18th May 2008, 22:34
A me sembra che cercando si possano trovare milioni di analogie tra ogni cosa, specialmente sfruttando "campi semantici" così comuni, come l'albero, il legno.

Se vuoi proporre la figura di Gesù come l'Iniziato ci sono riferimenti più calzanti e più efficaci da fare, anche meno "misticheggianti". Ad esempio si può parlare dell'etimologia della parola Cristo, si può parlare della natura di Gesù come umana e divina allo stesso tempo.
Il Verbo consente un passaggio da una dimensione essoterica a una esoterica, quindi direi di sì, Cristo può essere l'Iniziato, anzi l'Iniziato per eccellenza in quanto iniziatore.

In sostanza la presenza del legno è contingente, dovuta all'accidentalità del suo abbondante utilizzo sulla terra da parte della nostra specie. Mentre l'albero, morfologicamente parlando, è qualcosa che si trova in ogni dove: una linea che si biforca è già un albero, un insieme gerarchizzato di persone è un albero, l'insieme dei parenti è un albero, ...; inoltre riconduci anche la croce all'albero, sfruttando più la figura retorica della metonimia che un effettiva pienezza di similitudini. In sostanza puoi trovare qualcosa che c'entra con l'albero, più o meno lontanamente, dappertutto.

julietteki
18th May 2008, 23:18
Vabbè per questa volta non è successo, fa niente :asd:

Humus
19th May 2008, 16:25
In realtà importa, è cruciale più per me il frutto di tale ascensione che l'ascensione stessa.

Porre tutta l'attenzione sui passaggi al divino è un approccio esoterico. E l'esoterismo è per gli iniziati.
Non è cruciale comprendere le dinamiche del passaggio ma è cruciale comprendere il messaggio, la parola.



Non ripeto, ha detto già tutto lui :sisi:

Altro che albero, legna e fulmini: Matteo 22;35.

Il legno, la croce non sono rilevanti, sono un contorno, ma anche meno. Per i TdG Gesù è morto su un palo, il messaggio con cambia.

Il richiamarsi a simboli è umano, sono aiuti dell'uomo per l'uomo. Siamo cristiani, non crociani o crociati :asd: .

Ma non la ricordiamo la ciotola in cui Gesù e Giuda intinsero contemporaneamente il pane? :madsaw: La ciotola! Era in legno! Capisci? Concava, ed in LEGNO! Conteneva le cose, non era un caso, perchè anche i libri contengono le cose e i libri sono sapere, la ciotola era sapere, il legno è sapere!!!!


:sbonk:

L'albero dell'Eden? 12 frutti come 12 mesi dell'anno :asd: 12 frutti come erano le Tribù di Israele. Noto a tutti che i numeri biblici, specialmente nell'AT sono simbolici.

Kalidor
19th May 2008, 16:34
Humus, non puoi negare la realtà delle correnti esoteriche tradizionali, però.
Di sicuro l'albero è un simbolo chiave dell'ascensione, una chiave iniziatica. Dietro questo ci sono studi metafisici avanzatissimi, riguardanti l'esoterismo di tutte le religioni tradizionali rivelate: questi portano a una concezione molto coerente. E' detta filosofia perenne, o nel contesto umano di questo secolo e del secolo scorso, tradizionalismo.

Il problema è che a me sta sul cazzo il tradizionalismo :asd:

Kalidor
19th May 2008, 16:55
L'albero dell'Eden? 12 frutti come 12 mesi dell'anno :asd: 12 frutti come erano le Tribù di Israele. Noto a tutti che i numeri biblici, specialmente nell'AT sono simbolici.

12 segni zodiacali :asd:

Humus
19th May 2008, 16:58
Ho letto un libro sulla Qabbaláh e possiedo il libro di Cornelio Agrippa (http://it.wikipedia.org/wiki/Cornelio_Agrippa) (La filosofia occulta o la magia, che ovviamente non ho letto essendo due volumi, mi sono limitato a consultarne dei pezzi) mi è bastato. Non nego l'esistenza dell'esoterismo, non ne conosco le pratiche, ma ho spesso sentito parlare dei suoi effetti da chi per occupazione prova ad eliminare sgradite conseguenze (http://it.wikipedia.org/wiki/Malleus_Maleficarum).

Poi se ho voglia approfondisco due concetti ancora, ora però devo uscire :sisi:

edit: 12? OK, ok: 4 (elementi naturali) x 3 (elementi alchemici). 4 (elementi naturali) x 3 (le forze); 12 apostoli; Gerusalemme celeste ha 12 porte ecc ecc (http://simboli.blog.dada.net/post/291092/Il+Numero+Dodici)

Kalidor
19th May 2008, 17:12
Non nego l'esistenza dell'esoterismo, non ne conosco le pratiche, ma ho spesso sentito parlare dei suoi effetti da chi per occupazione prova ad eliminare sgradite conseguenze (http://it.wikipedia.org/wiki/Malleus_Maleficarum).

Scusami ma stai farneticando :sisi:

L'esoterismo è profondamente radicato nelle religioni rivelate, tanto che l'essoterismo che conosciamo dell'ebraismo, del culto vedico, del confucianesimo, dell'islam sono assolutamente dipendenti dagli esoterismi corrispondenti.
La Cabala è il testo ebraico esoterico per eccellenza, facendo un esempio. La stessa Torah si può leggere in chiave esoterica conoscendo i numeri.
L'islam ha in sé un esoterismo molto profondo, che trova probabilmente la massima espressione nel Sufismo.
Come il culto vedico ha il vedanta, il confucianesimo ha il taoismo.

Queste conoscenze sono assolutamente "ortodosse" nei rispettivi contesti, e anche per un cristiano è impossibile negarlo e bollarle come magia, siccome la stessa religione ebraica ha un cuore esoterico.

Dal punto di vista strettamente etimologico l'esoterismo è la via Gnostica, in quanto via della conoscenza sacra. Tuttavia questo non ha nulla a che fare con ciò che comunemente si intende per gnosticismo, ovvero quelle correnti di origine greca, persiana e dintorni, che svilupparono concezioni demiurgiche del divino, la monade, i dualismi tra spirito e materia et similia... un esempio è il manicheismo.


possiedo il libro di Cornelio Agrippa (http://it.wikipedia.org/wiki/Cornelio_Agrippa) (La filosofia occulta o la magia, che ovviamente non ho letto essendo due volumi, mi sono limitato a consultarne dei pezzi) mi è bastato.

Questa roba non c'entra nulla con l'esoterismo. Una lettura più adatta sarebbe un libro di René Guénon.

julietteki
19th May 2008, 21:49
Ho letto un libro sulla Qabbaláh

e possiedo il libro di Cornelio Agrippa che ovviamente non ho letto essendo due volumi
Non nego l'esistenza dell'esoterismo
Malleus_Maleficarum
Poi se ho voglia approfondisco due concetti ancora, ora però devo uscire :sisi:


ma anche no viste le premesse :asd:

Kalidor
19th May 2008, 21:54
Comunque il bonsai sul crocefisso del Masaccio mi intorta, approfondirò :asd:

julietteki
19th May 2008, 21:56
approfondisci beibi, approfondisci :sisi:

io mi sono limitata a sobillare come al solito

maieutica :asd:

Kalidor
19th May 2008, 22:03
Tanto sono trip mentali :asd:

julietteki
19th May 2008, 22:04
volendo tutta la filosofia lo è, vogliamo discuterne proprio qui?

:asd:

Kalidor
19th May 2008, 22:04
Why not :asd:

julietteki
19th May 2008, 22:06
vogliamo estendere alla gran parte della nostra cosiddetta scienza?

Kalidor
19th May 2008, 22:10
http://bp2.blogger.com/__V_ZAqQXnio/R-0zN7h8FtI/AAAAAAAAAAk/74TOxhlCZ2w/s1600-h/eadwinepsalter.jpg

Salterio di Eadwin (Eadwine Psalter, Cambridge, Trinity College, MS R.17.1) - 1160 d.c.

Alberelli diventano funghi :asd:

Kalidor
19th May 2008, 22:13
vogliamo estendere alla gran parte della nostra cosiddetta scienza?

Scienza in quanto modello e interpretazione del mondo, sì.

julietteki
19th May 2008, 22:16
ooh yeah.


ah bella la jpg :asd:

Kalidor
19th May 2008, 22:21
Credo sia il primo manoscritto di chiromanzia medievale :sisi:

julietteki
19th May 2008, 22:23
torniamo al sapere

are you a believer?

Kalidor
19th May 2008, 22:24
Sì.
Questo tronca ogni discorso eh? :asd:

julietteki
19th May 2008, 22:27
affatto

spiegami perché

Kalidor
19th May 2008, 22:29
La filosofia è futile, l'uomo non può Sapere quindi è già finito il discorso :asd:

Però ok è spassosa :asd:

julietteki
19th May 2008, 22:31
ah tu per believer intendevi credente (rel.)

errore mio confusione

intendevo believing in knowledge

Kalidor
19th May 2008, 22:32
Già :asd:

julietteki
19th May 2008, 22:33
no devi semplificare linguaggio

no giochini inutili

credi nel sapere? se si', perché? se no, perché?

Kalidor
19th May 2008, 22:35
Non capisco cosa intendi per credere nel sapere.

C'è quello che so e quello che credo :asd:

julietteki
19th May 2008, 22:39
CREDI NELLA POSSIBILITÀ DI IMPARARE
DI SAPERE
DI MODELLIZZARE
DI TEORIZZARE
in maniera UTILE E/O FATTUALE
?

Kalidor
19th May 2008, 22:40
Intendi se lo ritengo possibile? Lo ritengo possibile.

julietteki
19th May 2008, 22:40
ok

perché

Shank
19th May 2008, 22:41
Diverse dottrine simboleggiano l'ascesa (o la discesa) attraverso l'Albero. Cristo viene assunto al cielo mediante il passaggio sulla croce (costruita col legno di un albero), Siddhartha raggiunge la buddhità ai piedi dell'albero, ad Angkor Vishnu è rappresentato sulla base, sul tronco e sulla cima dell'albero della Boddhi.

Allo stesso tempo, nello Zohar l'Albero della vita si estende dall'alto verso il basso, nelle Upanishad l'universo è un albero rovesciato.

Nei Tarocchi, la lama del cambiamento è l'arcano XII, l'Appeso.

Quando e se ne avrete voglia, vorrei le vostre riflessioni sul rapporto fra questi elementi (ed altri, naturalmente).

Saluti e baci.

http://img186.imageshack.us/img186/9656/masacciocrocifissione14xi9.th.jpg (http://img186.imageshack.us/my.php?image=masacciocrocifissione14xi9.jpg)

Ma se arriviamo a degli spunti interessanti, ci citerai poi nel trattato? :asd:

Io gli arcani maggiori li so leggere, non sono un esperto, ma per diletto ho imparato a leggerli da una persona molto molto brava: devo però dirti che l'appeso non mi risulta affatto essere qualcosa legato al cambiamento. L'appeso l'ho sempre letto come sacrificio, stanchezza fisica, rinuncia, abbattimento morale e in taluni casi (rari) anche come una sorta di altruismo che molto probabilmente comporterà una depressione nei suoi sviluppi futuri. Il significato varia ovviamente a dipendenza di che carte escono accanto ad esso, ma bene o male sono quelli che ho citato i suoi possibili significati.

Riferiti al cambiamento ci sono due altri arcani maggiori solitamente... la prima é la morte (arcano XIII), la seconda é il bagatto (arcano I). La morte ha in genere più peso, é intesa come cambiamento radicale, mentre il bagatto é più un nuovo inizio di qualcosa. Altre sul cambiamento non mi sovvengono onestamente.


Andava precisato, tu hai scritto che è Gesù è stato assunto in cielo dopo la resurrezione. Il che è parzialmente vero, ma a leggersi così appare che è risorto ed asceso immediatamente :teach:. Nella realtà è risorto e per 40 giorni è apparso ai discepoli, solo dopo è asceso al cielo. Non è il caso di scaldarsi comunque :asd:

Può essere interessante quindi la butto là... se non erro, ma potrei cannare alla grande, 40 giorni sono anche il tempo secondo il quale, nella credenza Cristiana, l'anima rimane sulla terra prima di ascendere al cielo.

Per ora mi fermo qui anch'io, voglio vedere come si evolve il 3d prima di mettere altra carne al fuoco.

Kalidor
19th May 2008, 22:44
Perché ho constatato che si può fare, e viene fatto.
Però è impossibile scongiurare la possibilità di conseguenze nefaste dell'utilizzo della ragione :sisi:

julietteki
19th May 2008, 22:46
Io gli arcani maggiori li so leggere [...] persona molto molto brava

l'appeso non mi risulta affatto essere qualcosa legato al cambiamento.

ricomincia e studia con uno competente stavolta

comincia da Tarocchi ed. Wirth approccio magia nera ma utile sul piano della completezza della simbologia

julietteki
19th May 2008, 22:47
Perché ho constatato che si può fare, e viene fatto.
bla bla

COME viene fatto

voglio i fondamenti logici
senno' manco sai perché ci credi

Kalidor
19th May 2008, 22:55
COME viene fatto

voglio i fondamenti logici
senno' manco sai perché ci credi

Domanda estremamente difficile :asd:

Dipende in che contesto siamo. La Scienza (intendo quella nata nel 1600) usa per lo più induzione e deduzione. Il metodo scientifico.

Questo metodo però è totalmente diverso da quello che si può usare in altri contesti, perché vuole essere completamente oggettivo.

Di sicuro una discussione su questo thread non si può basare su induzione e deduzione formali :asd:

julietteki
19th May 2008, 23:02
no Kalidor TU

non svicolare

TU PERCHÉ CREDI nella detta possibilità honey

Kalidor
19th May 2008, 23:09
Hm per esperienza personale, ci riesco e ottengo risultati nel limitatissimo contesto in questione :asd:

julietteki
19th May 2008, 23:11
perfetto andiamo avanti

quale metodo applichi.

per farlo, e/o per dire che funziona.

Kalidor
19th May 2008, 23:12
Dipende cosa sto facendo. Alcune cose richiedono soluzioni e pre-elaborazioni teoriche, altre richiedono semplicemente un apprendimento esperienziale puramente intuitivo, per così dire :asd:

julietteki
19th May 2008, 23:19
qui siamo già alla realizzazione pratica

io parlavo di metodo

qual è il tuo metodo

julietteki
19th May 2008, 23:21
ok semplifico.

quando vuoi accostarti ad un ente, ujna persona, un problema, su cosa fondi la tua presunzione (senso etimologico bada bene) di mordere qualcosa dell'oggetto che intendi esperire?

Kalidor
19th May 2008, 23:24
E' una formazione mentale intuitiva appresa nell'infanzia, non c'è un pensiero formale logico che mi permette di o mi giustifica nell'usare i mattoncini lego. Io uso i mattoncini lego e basta :asd:

Shank
19th May 2008, 23:26
ricomincia e studia con uno competente stavolta

Non ho nulla da ricominciare perché onestamente non me ne frega più di quel tanto dei tarocchi; era, come già detto, un passatempo come un altro.

La persona in questione é una sensitiva ed anche molto brava... poi può benissimo non essere una cima in simbologia, ma personalmente penso sia più affidabile la sua sensibilità di quello che mi può dire uno studioso X ravanando su simbologie per i prossimi 500 anni.


comincia da Tarocchi ed. Wirth approccio magia nera ma utile sul piano della completezza della simbologia

Se il libro parla di magia nera, a rigor di logica non dovrebbero variare anche i significati simbolici?

Uno dei primi link che viene fuori con la query "tarocchi wirth" é questo:
http://www.fuocosacro.com/pagine/articoli/CHO1.htm

A riguardo dell'appeso non dice alcunché del cambiamento, ripete solo in maniera più dettagliata quanto ho già detto io.

Oppure ho trovato questo ma é la stessa solfa: http://www.itarocchidigabriella.it/appeso.htm

Hai qualche link a portata di mano che collega l'appeso al cambiamento? Io con Wirth e magia nera non ho trovato nulla.

julietteki
19th May 2008, 23:28
E' una formazione mentale intuitiva appresa nell'infanzia, non c'è un pensiero formale logico che mi permette di o mi giustifica nell'usare i mattoncini lego. Io uso i mattoncini lego e basta :asd:

ah ok :asd:

quindi stringendo credi nella possibilità di 'sapere' ma in realtà non sai come, né perché :asd:


no ma complimenti :asd:

ok adesso di cosa parliamo Kalidor? :asd:

julietteki
19th May 2008, 23:30
Non ho nulla da ricominciare perché onestamente non me ne frega più di quel tanto dei tarocchi

ah ok allora non ha senso che io risponda al resto (lungo) del tuo post

Shank
19th May 2008, 23:33
Cazzo che invidia del pene ragazzi. :asd:

Duke#
19th May 2008, 23:34
La filosofia è futile, l'uomo non può Sapere quindi è già finito il discorso :asd:


:rotfl:

julietteki
19th May 2008, 23:38
Cazzo che invidia del pene ragazzi. :asd:

non è un problema serio, fatti fare una protesi :dunno:

Shank
19th May 2008, 23:41
non è un problema serio, fatti fare una protesi :dunno:

Si ma non ti dilungare troppo. :asd:

Kalidor
19th May 2008, 23:53
ah ok :asd:

quindi stringendo credi nella possibilità di 'sapere' ma in realtà non sai come, né perché :asd:

Tu mi hai chiesto se ritengo possibile teorizzare, modellizzare, apprendere per ottenere risultati pratici o utili.

Lo ritengo possibile perché ho osservato per esperienza che sia possibile. Se mi chiedi il pilastro su cui mi fondo nel pensare questo, è l'esperienza.

Poi forse vorresti sentirmi dire questo: do nomi alle forme di cui faccio esperienza, e tramite i nomi associati alle forme posso astrarre, prevedere e quindi manipolare con cognizione i suddetti fenomeni.

julietteki
19th May 2008, 23:55
non dai il meglio di te sotto stress, vero Kalidor? :asd:

Kalidor
19th May 2008, 23:55
:mumble:
Non c'è molto altro che potrei dire.

julietteki
19th May 2008, 23:58
infatti mi riferivo ai post precedenti

questo in sé poteva tenere ed avrsti potuto sfruttarne l'attacco "spiazzante" causato dalla sua semplicità

Kalidor
20th May 2008, 00:04
Ma questo che ho scritto ora risponde ad un'altra domanda, non quello che mi hai chiesto tu.

Tu mi hai chiesto in base a cosa presumo di afferrare cognitivamente l'oggetto: questo è un processo o meccanismo mentale che non si fonda su strutture cognitive ma è il mattoncino di qualsiasi struttura cognitiva.

La mia mente esperisce l'oggetto mentale tanto quanto il mio occhio registra una immagine.

Ti ho quindi risposto dicendo che è semplicemente una formazione mentale sviluppata intuitivamente, per non dire che è quasi sensorialità.

Duke#
20th May 2008, 00:04
julietteki stai cercando di dimostrare che la maieutica socratica fosse in realtà solo eristica?

julietteki
20th May 2008, 00:11
Tu mi hai chiesto in base a cosa presumo di afferrare cognitivamente l'oggetto: questo è un processo o meccanismo mentale che non si fonda su strutture cognitive ma è il mattoncino di qualsiasi struttura cognitiva.



stai scherzando vero?

tra l'altro ti contraddici tu stesso come puoi vedere

La mia mente esperisce l'oggetto mentale tanto quanto il mio occhio registra una immagine.

Ti ho quindi risposto dicendo che è semplicemente una formazione mentale sviluppata intuitivamente, per non dire che è quasi sensorialità.


attenzione da questo post emerge che quella che tu chiami 'conoscenza' non è affatto diversa dall'esperienza della "realtà" che hanno gli animali (per quanto anche quella abbia necessariamente basi cognitive, e non potrebbe essere altrimenti..)

julietteki
20th May 2008, 00:11
julietteki stai cercando di dimostrare che la maieutica socratica fosse in realtà solo eristica?

lol :asd:

Kalidor
20th May 2008, 00:17
stai scherzando vero?

attenzione da questo post emerge che quella che tu chiami 'conoscenza' non è affatto diversa dall'esperienza della "realtà" che hanno gli animali (per quanto anche quella abbia necessariamente basi cognitive, e non potrebbe essere altrimenti..)

Hm ok, in effetti è una cazzata :asd:

Posso apprendere nel senso umano del termine solo se prima do un nome alle forme :asd:

Kalidor
20th May 2008, 00:48
Bo e quindi? Much ado about nothing?

julietteki
20th May 2008, 00:55
è buffo che ti lamenti della mancata risposta su un forum in cui la media dell'intervallo è di due settimane :asd:

peraltro la lamentela è anche pertinente vista la rapidità degli ultimi sviluppi :sisi:

adesso pero' sto scaricando un film se ti va rimandiamo a presto
e intanto baci

Kalidor
20th May 2008, 00:56
Sei solo una quaqquaraquà :asd:

julietteki
20th May 2008, 00:57
no amore sei tu che al momento di giocare hai giocato male

adesso non te la puoi prendere con me se mi getto un po' di laif

poi riprendiamo :volemose:

Kalidor
20th May 2008, 00:59
Mah se è solo sofismo ciò in cui ti vuoi cimentare, passo :asd:

julietteki
20th May 2008, 01:04
ma per niente proprio :nono:
ero realmente interessata a discutere, solo che tu non mi hai dato man forte beibi..

te la metto sul piano della metafora.
- abbiamo appena fatto una partita a scacchi.
- tu ti sei lasciato fottere perché sotto stress non ragioni bene
- io non posso giocare da sola

e adesso devo fare altro, anche perché sto raggiungendo i limiti fisici (ti ho già detto che non dormo da due giorni)

se vuoi riprendiamo presto.
se non vuoi, riprenderemo su altro, un'altra volta.

Kalidor
20th May 2008, 01:06
Secondo me prendi per il culo, comunque al momento preferisco il thc a sti discorsi :asd:

julietteki
20th May 2008, 01:07
Kali, come vuoi :dunno:

Duke#
20th May 2008, 01:11
te la metto sul piano della metafora.
- abbiamo appena fatto una partita a scacchi.
- tu ti sei lasciato fottere perché sotto stress non ragioni bene
- io non posso giocare da sola


per favore non metterla più sul piano della metafora :asd:

julietteki
20th May 2008, 01:13
ok ci sto :asd:

julietteki
20th May 2008, 01:14
pero' tu mi presti la parrucca fuxia :asd:

Kalidor
20th May 2008, 01:15
per favore non metterla più sul piano della metafora :asd:

Perché no, ci stiamo solo paurosamente avvicinando all'interpretazione freudiana di questo episodio :asd:

Duke#
20th May 2008, 01:20
pero' tu mi presti la parrucca fuxia :asd:

va bene cara :shy:

Comunque voi due litigate come due ragazzini innamorati :asd:

julietteki
20th May 2008, 01:20
perché quale complesso nascondi? :asd:

Kalidor
20th May 2008, 01:21
Io nessuno :asd:

julietteki
20th May 2008, 01:21
mah sarà, io pero' ho 34 anni suonati il buon Kalidor non credo :asd:

julietteki
20th May 2008, 01:21
e allora stiamapposto tutti quanti

Duke#
20th May 2008, 01:22
mah sarà, io pero' ho 34 anni suonati il buon Kalidor non credo :asd:

non credo sia un problema per lui :D

comunque juliet non è ora che tu vada a dormire?

Kalidor
20th May 2008, 01:23
mah sarà, io pero' ho 34 anni suonati il buon Kalidor non credo :asd:

Già, affermazione feconda di ulteriori comprove :asd:

julietteki
20th May 2008, 01:30
non credo sia un problema per lui :D

comunque juliet non è ora che tu vada a dormire?

è ben quello che mi dico anch'io, ma non ho ancora il giusto sonno
sto mutando :mumble:

julietteki
20th May 2008, 01:30
Già, affermazione feconda di ulteriori comprove :asd:

perché, non è vero?

Kalidor
20th May 2008, 01:33
è ben quello che mi dico anch'io, ma non ho ancora il giusto sonno
sto mutando :mumble:

Lo schermo del computer è una fonte luminosa che impedisce il rilascio di melatonina :asd:

Kalidor
20th May 2008, 01:34
perché, non è vero?

Non so, sei tu a parlare di giochi, battaglie e fottimenti :asd:

julietteki
20th May 2008, 01:37
Lo schermo del computer è una fonte luminosa che impedisce il rilascio di melatonina :asd:

e questo è proprio vero infatti mi sa che è megllio se invece di vedere un film vado a leggere :look:

Duke#
20th May 2008, 01:38
Non so, sei tu a parlare di giochi, battaglie e fottimenti :asd:

stoccata :asd:

julietteki
20th May 2008, 01:38
che come hai notato elegantemente non ho raccolto :asd:

Kalidor
20th May 2008, 01:41
Ringraziamo le amiche triptamine, il precursore l'amminoacido triptofano e annottiamoci :sisi:

julietteki
20th May 2008, 01:43
Buonanotte amoretti miei :love:

Duke#
20th May 2008, 01:46
:ciaociao:

Humus
20th May 2008, 09:30
Scusami ma stai farneticando :sisi:

L'esoterismo è profondamente radicato nelle religioni rivelate, tanto che l'essoterismo che conosciamo dell'ebraismo, del culto vedico, del confucianesimo, dell'islam sono assolutamente dipendenti dagli esoterismi corrispondenti.

Ma tu sei fuori, io parlo di cattolicesimo :asd: . Parlando di cattolicesimo un conto è dire che è radicato e c'è una storia dietro, un conto è dire che esso è importante.

L'esoterismo esiste nell'Islam ma sono sempre esistenze marginali e spesso ereticali.

L'essoterismo non è l'esoterismo, buttarlo in mezzo quando si parla di esoterismo non ha molto senso.


Queste conoscenze sono assolutamente "ortodosse" nei rispettivi contesti, e anche per un cristiano è impossibile negarlo e bollarle come magia, siccome la stessa religione ebraica ha un cuore esoterico.No, fidati, sei pazzo, non sai cosa dici :asd: L'esoterismo nel cattolicesimo rappresenta l'opposto della dottrina e non a caso Cornelio Agrippa volevano farlo fumare dalle chiappe fino alla bocca.

Perchè l'esoterismo non fa parte del cattolicesimo? Ovvio. Il cattolicesimo predica la salvezza per tutti. L'esoterismo è una pratica di elitè che permette a taluni di conoscere cose che altri non possono sapere, il che non ne ne ortodosso ne corretto. Nel cattolicesimo le pratiche esoteriche sono parificate alla divinazione, necromanzia, preveggenza, numerologia, massoneria, gnosi, kabbalah, new age.

La massoneria faceva uso di pratiche esoteriche (il grande architetto) e, non a caso non era per tutti e vi erano culti satanici al suo interno, ovviamente era avversa alla Chiesa. La quale la scomunicò e non disse però "però l'esoterismo era ok!" :asd:

Rivolgeri a dei numeri, a dei simboli viola uno dei più grandi comandamenti: non avrai altro Dio all'infuori di me. Non chiederai quindi a numeri o simboli qualcosa che la fede in Dio non concede a tutti.

Ora, di nuovo, un conto è dire che l'esoterismo esiste ed ha una storia, un conto è dire che viene utilizzato in maniera ortodossa nelle religioni.



Questa roba non c'entra nulla con l'esoterismo. Una lettura più adatta sarebbe un libro di René Guénon.Il testo di esoterismo e magia nera incubo dell'inquisizione scritto da colui che si definiva cristiano e potente mago? Non c'entra nulla con l'esoterismo? :Omg:

:look:

Humus
20th May 2008, 09:49
Può essere interessante quindi la butto là... se non erro, ma potrei cannare alla grande, 40 giorni sono anche il tempo secondo il quale, nella credenza Cristiana, l'anima rimane sulla terra prima di ascendere al cielo.

Per ora mi fermo qui anch'io, voglio vedere come si evolve il 3d prima di mettere altra carne al fuoco.

L'anima ascendere in cielo? Magari :(

Gesù è disceso agli inferi, per liberare dai peccati coloro nati prima del suo annuncio. Non credo sia conoscibile perchè 39 giorni, gli Atti e il Vangelo indicano quello e noi ci atteniamo, ma non credo che "di la" ci sia il tempo.

Per il cattolicesimo c'è un giudizio particolare che segue la morte individuale, a cui seguirà una purificazione, una beatitudine in cielo o una dannazione negli inferni. Ciò a seconda della propria fede e opere.

Col giudizio universale, alla fine dei tempi ci sarà la resurrezione dei corpi. Chi avrà fatto bene avrà resurrezione di via, viceversa resurrezione di condanna (Mancuso prevede l'annullamento). I giusti quindi saranno con Dio, anima e corpo. La Chiesa avrà raggiunto il suo fine tornando a Cristo.

Nella Gerusalemme celeste c'è il regno di Dio.

Se vogliamo rimanere poi ne "uuhh che figo, i numeri, la sapienza :madsaw:" Le veggenti di Medjugorje hanno raccolto 10 segreti, la Vergine avrebbe parlato di questa generazione in merito alla venuta di Gesù.

Kalidor
20th May 2008, 09:56
Il testo di esoterismo e magia nera incubo dell'inquisizione scritto da colui che si definiva cristiano e potente mago? Non c'entra nulla con l'esoterismo?

Non c'entra proprio un tubo di nulla, è così.

Scusa Humus, hai visto quel quadro di Masaccio? E' un esempio di esoterismo cristiano cattolico, che veniva di fatto studiato in modo del tutto ortodosso: http://www.bol.it/libri/scheda/ea978888762534.html


L'essoterismo non è l'esoterismo, buttarlo in mezzo quando si parla di esoterismo non ha molto senso.

Questa frase sola dimostra la tua imbarazzante ignoranza :look:

Kalidor
20th May 2008, 10:06
L'esoterismo esiste nell'Islam ma sono sempre esistenze marginali e spesso ereticali.

[...]
Ora, di nuovo, un conto è dire che l'esoterismo esiste ed ha una storia, un conto è dire che viene utilizzato in maniera ortodossa nelle religioni.


Questa è follia. Le Turuq islamiche conservano e portano avanti tutti gli studi sapienziali! L'esoterismo dei Sufi, per esempio, è cruciale per l'essoterismo promulgato al popolo. Trovi queste persone persino a Gerusalemme, a studiare assieme ai rabbi e ai maestri cristiani.

Basti pensare al fatto che la deviazione verso il male di alcune Turuq sapienziali, ovvero delle comunità di iniziati detentori del sapere sacro islamico, stanno evidentemente portando ad un essoterismo altrettanto deviato: fondamentalista e guerrafondaio.

(Non i Sufi, che sono rimasti detentori della sapienza senza deviare verso il male, e infatti non sono in una buona situazione sociopolitica :asd: )

Non è il fatto che l'esoterismo corrompa l'essoterismo: è che i due sono strettamente legati, se non c'è uno studio sapienziale e una conoscenza sacra non c'è neanche possibilità di essoterismo. Allo stesso modo, se le correnti esoteriche sapienziali deviano, devia anche l'essoterismo e devia l'intera religione.

Sta certo di fatto che l'esoterismo cristiano ormai è estinto (o del tutto irrilevante), ma così non è stato affatto in passato.
Però è atroce dire che l'esoterismo sia irrilevante per l'Islam :eek:


Se vogliamo rimanere poi ne "uuhh che figo, i numeri, la sapienza :madsaw:" Le veggenti di Medjugorje hanno raccolto 10 segreti, la Vergine avrebbe parlato di questa generazione in merito alla venuta di Gesù.

Va bene, e nulla mi vieta di dire che sia proprio quella la roba New Age :asd:

Non è che basta dire "non c'è, non c'è!" per far scomparire i problemi :asd:

Kalidor
20th May 2008, 10:24
Per il cattolicesimo c'è un giudizio particolare che segue la morte individuale, a cui seguirà una purificazione, una beatitudine in cielo o una dannazione negli inferni. Ciò a seconda della propria fede e opere.

Col giudizio universale, alla fine dei tempi ci sarà la resurrezione dei corpi. Chi avrà fatto bene avrà resurrezione di via, viceversa resurrezione di condanna (Mancuso prevede l'annullamento)

Questa interpretazione non è forse frutto di studi scolastici e teologici?
Il cattolicesimo non ha esoterismo, ma si è convertito alla filosofia teologica, partorendo queste robe. Ergo l'essoterismo cattolico si fonda su questo tipo di studi.. la scolastica :asd:

Di sicuro alcuni Padri del Deserto non sarebbero d'accordo con i nostri amici vescovi. Questo per accennare al fatto che ancora non abbiamo parlato di mistica, che in realtà E' il cuore del cristianesimo e della Chiesa stessa, mentre di certo non lo è la teologia.

Humus
20th May 2008, 11:06
Senti, kalidor, nel cattolicesimo l'esoterismo è condannato. Questo ho detto.

Ora puoi titillarti il clitoride della conoscenza e sparare 10 reply in 10 minuti. Rimane che talune cose esistono ma non fanno parte della dottrina cattolica ed altre che son contemplate dalla dottrina cattolica :asd:

Finiti i miei interventi :asd:

Ciao!

Kalidor
20th May 2008, 11:10
Ti ho già dato ragione riguardo la dottrina cattolica contemporanea.
Quella medioevale già accettava studi esoterici, anche nell'arte sacra.


Parlavamo dell'esoterismo e ti ho detto che nella dottrina cattolica esso è visto come pratica da condannare.

Up to 2008

so che nell'Islam le pratiche esoteriche sono marginali o ereticali. Mi sbaglio? Io so questo.


Eh sì, ti sbagli. E vale anche per l'ebraismo: l'esoterismo è cruciale per l'intera religione.


Non mi piacciono queste risposte tout court, ciao!

:mumble:

Kalidor
20th May 2008, 11:17
Senti, kalidor, nel cattolicesimo l'esoterismo è condannato. Questo ho detto.

Ora puoi titillarti il clitoride della conoscenza e sparare 10 reply in 10 minuti. Rimane che talune cose esistono ma non fanno parte della dottrina cattolica ed altre che son contemplate dalla dottrina cattolica :asd:

Finiti i miei interventi :asd:

Ciao!

Non vedo non sento non parlo :asd:

Humus
20th May 2008, 11:27
Prendi in giro un povero ignorante, vergognati! :cry:

Kalidor
20th May 2008, 11:29
Sei tu che ti addentri nei meandri dell'inferno digitale, qui si fa in modo diverso :asd:

]Ter'Angreal[
20th May 2008, 11:37
in internet vige la regola del "c'è sempre un pesce più grosso" :look:

Kalidor
20th May 2008, 11:37
Gnam :asd:

Humus
20th May 2008, 11:38
Sei tu che ti addentri nei meandri dell'inferno digitale, qui si fa in modo diverso :asd:

Tu butti le esche, io mi ero intromesso per rispondere ad un punto preciso :teach: Però ho abboccato :asd:

Kalidor
20th May 2008, 11:40
Sono il diavolo tentatore :asd:

Humus
20th May 2008, 11:43
Ogni cosa che palesa la mia ignoranza è positiva, per cui non puoi esser il diavolo tentatore. Puoi essere però un semplice rompicoglioni :sisi:

Scherzo :asd:

Ciao! Basta spam!

Kalidor
20th May 2008, 11:44
Io sono dei buoni, per riassumere :asd:

Duke#
20th May 2008, 11:45
Ogni cosa che palesa la mia ignoranza è positiva, per cui non puoi esser il diavolo tentatore.

Scommetto 1000 internet crediti che tu hai fatto catechismo, sei credente e praticante e che Papa benedetto ti piace ma preferivi Giovanni Paolo. :look:

Kalidor
20th May 2008, 11:47
Io preferivo Giovanni Paolo.

Primo :asd:

Kalidor
20th May 2008, 11:50
Tutte le mie persone preferite sono morte ammazzate :asd:
Ma come cazzo è :asd:

Humus
20th May 2008, 12:17
Scommetto 1000 internet crediti che tu hai fatto catechismo, sei credente e praticante e che Papa benedetto ti piace ma preferivi Giovanni Paolo. :look:

Mai fatto catechismo :asd: Nel senso ci andavo ma giocavo a calcio o guardavamo di straforo fumetti porno.

Sono credente ma non in piena comunione con la Chiesa cattolica, ad esser precisi sono particolarmente influenzato dal protestantesimo. Sono molto interessato all'ecumenismo e detesto ogni forma di tradizionalismo o progressismo e chiunque si definisca progressista o tradizionalista in seno alla Chiesa.

Non preferisco ne un Papa ne l'altro. Se volessi far l'intellettuale direi che preferivo quello vecchio, per la classica regola "il Papa buono è quello morto". No, apprezzo Benedetto XVI per il solo motivo che ora che i avvicino al cattolicesimo con un po' di decisione capita che leggo spesso suoi scritti.


Mi devi 1000 crediti.

Kalidor
20th May 2008, 12:22
Suvvia, sei un animale da oratorio ammettilo :asd:

Humus
20th May 2008, 12:24
No, direi di no.

Duke#
20th May 2008, 12:28
Guarda che i crediti persi non vanno a te, tornano alla sorgente. Tornano a THE INTERNET!

Comunque 1) a catechismo ci sei andato (anche se millanti passatempi eretici/erotici)

2) Io ho detto genericamente credente e tu lo sei, inoltre dato che scrivi che leggi spesso scritti di Ratzinger e che ti avvicini con decisione al cattolicesimo sei anche piuttosto praticante.

3) Infine ammetti di preferire il "Papa morto"

A occhio e croce non ho poi sbagliato :asd:

Kalidor
20th May 2008, 12:31
Duke wins.

Comunque mi fa spanciare perché finisce sempre con il forum che si fa i cazzi di Humus :asd:

Humus
20th May 2008, 12:36
No ora stai forzando, non è leale. Poi perchè dovete inscatolarmi? :mumble:

1) A catechismo mi ci portavano, se vogliamo cavillare.
2) Sono credente, cattolico :afraid: Sembra sia una colpa :asd:
3) No non preferisco alcun Papa, non conosco praticamente nessun Papa se non qualcosa su benedetto XVI in quanto vivo e operante in concomitanza con il mio interesse verso il cattolicesimo.

edit: @ Kalidor perchè io da persona brava incasso ma non rendo a nessuno :teach:

Kalidor
20th May 2008, 12:41
Non sempre è chiaro chi sia il lupo e chi l'agnello :asd:

Duke#
20th May 2008, 12:43
edit: @ Kalidor perchè io da persona brava incasso ma non rendo a nessuno :teach:

Offri l'altra guancia?

:asd:

Humus
20th May 2008, 12:47
Sto semplicemente al gioco fintanto esso è divertente :asd: .

Kalidor
20th May 2008, 12:52
Mai fatto catechismo :asd:

A catechismo mi ci portavano

Un po' in paranoia lo sei su sta cosa :asd:

Poi TUTTI i bambini "vengono portati a fare" catechismo :asd:

Duke#
20th May 2008, 12:54
Un po' in paranoia lo sei su sta cosa :asd:

Poi TUTTI i bambini "vengono portati a fare" catechismo :asd:

Io non sono nemmeno battezzato :look:

Humus
20th May 2008, 12:57
Dipende tutto da che si intende col "fare catechismo".

Partecipare ed esser ricettivi? Allora mai fatto catechismo. Non ricordo altro che il libro era blu e bianco e che una delle ragazze che ci seguiva prendeva sempre in braccio un altro ragazzino e mai me che volevo tanto esser preso in braccio da quella gnocca :sisi: . No aspetta, ricordo anche un padre salesiano che ci spiegò la genuflessione, unica cosa che è rimasta.

Se intendiamo fare catechismo nel senso che ero nella struttura dove si faceva, si ci sono stato, ho giocato a calcio e molto altro. Ma mi ci portavano i miei, non era ovviamente un mio interesse vedere il prete il sabato pomeriggio. Tuttavia scattò il meccanismo dei cani di Pavlov , per cui quando era sabato sapevo che al catechismo seguiva la baldoria con gli amici, botti, pallone :sisi:

Kalidor
20th May 2008, 12:57
Io non sono nemmeno battezzato :look:

Tutti quelli che fanno catechismo, capiscimi cazzo :asd:
Io non ho fatto catechismo, nel senso che NON mi ci portavano :asd:

Humus
20th May 2008, 12:58
Poi TUTTI i bambini "vengono portati a fare" catechismo

No, molti miei amici ci venivano a piedi :asd:

Kalidor
20th May 2008, 13:00
Di loro sponte? :asd:
Certo si sa che sei cresciuto in mezzo alla strada, tra gli scugnizzi :sisi:

Duke#
20th May 2008, 13:04
capiscimi cazzo :asd:
:asd:

Si asda un sacco stamane :asd:

]Ter'Angreal[
20th May 2008, 14:45
humus, hai solo 40 post sulle spalle, è nonnismo. :asd:

Kalidor
20th May 2008, 15:52
Lo faremo diventare uno stormtrooper d'assalto :sisi:

julietteki
20th May 2008, 16:03
Humus, ma sei italiano? :mumble:

Humus
20th May 2008, 16:07
No non lo sono, sono albanese, almeno così mi dicono :sisi:.

Perchè? Ho sbagliato a scrivere?

O forse dovrei dire "Se sbaglio mi corriggerete" ? :asd:

Kalidor
20th May 2008, 16:08
Occhio che julietteki l'altra volta ha distrutto la vita di un utente indovinando per puro caso che fosse di Agrigento :asd:

Humus
20th May 2008, 16:42
Perchè è razzista? Non è un problema, io sono abbastanza maschilista (mi dicono anche questo) per cui non dovrei rimanerne troppo turbato.

julietteki
20th May 2008, 16:45
il caso non esiste

Kalidor
20th May 2008, 16:49
Perchè è razzista? Non è un problema, io sono abbastanza maschilista (mi dicono anche questo) per cui non dovrei rimanerne troppo turbato.

Ma lo vedi che sei sempre in paranoia? :asd:

julietteki
20th May 2008, 16:59
:asd:

Humus
20th May 2008, 18:17
Ma che è, tutti con le mestruazioni? :mumble:

Filosofeggiate su su!

julietteki
22nd May 2008, 02:30
riprendiamo

dicevo, due porte: del Cancro, del Capricorno.

cosa passa attraverso queste porte, e come sono fatte?

qual'è la loro eventuale relazione con l'arbor sephirotica?

tanti baci

Duke#
22nd May 2008, 02:43
due porte: del Cancro, del Capricorno.

cosa passa attraverso queste porte? In una il Cancro, nell'altra il Capricorno.
e come sono fatte? A forma di Cancro e Capricorno.

qual'è la loro eventuale relazione con l'arbor sephirotica? Eventualmente il Cancro e il Capricorno marcano il proprio territorio sull'arbor sephirotica.

Quanti punti ho totalizzato? :shy:

Kalidor
22nd May 2008, 03:14
La risposta è 2012

Duke#
22nd May 2008, 03:48
Juliet noi vogliamo risposte non domande! :cry:

Kalidor
22nd May 2008, 03:55
Parla per te :asd:

Kalidor
22nd May 2008, 03:58
So già che comunque aveva ragione lui

http://www.matrixmasters.com/pn/assets/Terence002.jpg

julietteki
22nd May 2008, 17:58
Juliet noi vogliamo risposte non domande! :cry:

dalle due porte ci passano le anime.

(ma non ci possono passare sempre, devono aspettare il momento giusto).

Kalidor
22nd May 2008, 18:20
Ciapa: http://www.politicaonline.net/forum/showthread.php?t=400158 :asd:
Magari ti diverti di più con il mio amico :asd:

julietteki
22nd May 2008, 18:31
1 punto a Kalidor.

pero' siamo ancora lontani dall'albero..

e soprattutto il thread è ufficialmente morto :asd:

Kalidor
22nd May 2008, 18:32
Hai rotto con sto albero fallico :asd:

julietteki
22nd May 2008, 18:34
vogliamo saltare i preliminari e parlare direttamente dell'itifallismo? :asd:

Kalidor
22nd May 2008, 18:38
http://farm1.static.flickr.com/146/422704754_0097132120.jpg

julietteki
22nd May 2008, 18:52
in effetti è un discorso più democratico, su quello tutti hanno qualcosa da dire.

PsYchotiK
22nd May 2008, 20:28
http://images.quickblogcast.com/105373-98149/lascaux.jpg

julietteki
23rd May 2008, 01:00
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/fb/Vaso_greco_itifallico_-_Museo_di_Spina,_Ferrara,_sala_Redrawed.jpg/180px-Vaso_greco_itifallico_-_Museo_di_Spina,_Ferrara,_sala_Redrawed.jpg

julietteki
23rd May 2008, 01:00
il tuo è più raffinato, lo ammetto.

Duke#
23rd May 2008, 01:43
volete dirmi che adesso iniziate a postare foto falliche?


:asd:

Kalidor
23rd May 2008, 02:19
http://www.ferrero.it/hidimg/ferrero_estathe_limone_1.jpg

Cribrum
23rd May 2008, 10:22
http://www.arabba-romantica.it/images/raccolta-funghi.jpg

Kalidor
23rd May 2008, 15:46
Noob :asd:

http://www.psilosophy.info/img/species/psilocybe_cubensis_penis_envy1.jpg

Cribrum
23rd May 2008, 15:51
Vabbè però il mio è più genuino...

julietteki
23rd May 2008, 22:26
Noob :asd:

http://www.psilosophy.info/img/species/psilocybe_cubensis_penis_envy1.jpg

mamma mia la foto di destra :asd:

http://farm2.static.flickr.com/1375/662026782_9931c1701b.jpg?v=0

julietteki
23rd May 2008, 22:34
http://www.nefsc.noaa.gov/faq/images/geoduck.jpg



:asd:

Cribrum
23rd May 2008, 23:48
http://otix.altervista.org/wp-content/uploads/2007/02/mela.jpg

:asd:

Kalidor
24th May 2008, 02:41
Omg

http://www.g6csy.net/chile/peppers/pene.jpg
http://www.jonco48.com/blog/hot_20pepper.jpg

Geniale :asd:

greendevil
25th May 2008, 17:48
Quantomeno introduci un discorso, così come l'hai proposto il thread sarebbe solo l'intersezione tra l'insieme "religioni e dottrine" e l'insieme "legno" :D

Potrei semplicemente dire che Gesù è stato crocifisso tramite il legno di un albero perchè le croci di marmo sarebbero risultate pesanti. :)

Oltretutto il cristo morto in croce ha una valenza storica (i romani lo facevano) e non la simbolica di alcune altre religioni orientali, dove l'albero è stato preso apposta.

Probabilmente l'albero, come molti altri simboli - come il sole per la divinità, il mare per l'infinito, il cielo per il paradiso terrestre - dà un'impressione piuttosto caratteristica nella mente umana. Direi che se il sole è Dio perché è lontano e non è possibile guardarlo direttamente (ovvero incontrarlo, almeno qui), l'albero con la sua forma allungata verso il cielo sembra quasi un tramite tra il mondo terreno e quello sovrasensibile.

EDIT: rileggendo un pò il topic, ho visto che quello che ho scritto io è già stato scritto in maniera pure più esaustiva e interessante. Mi eclisso :asd:

Kalidor
26th May 2008, 00:22
Il mare è simbolo della madre o del materno mi pare.

Non è detto che l'albero nel buddismo sia "stato scelto apposta", Shakyamuni potrebbe essersi benissimo seduto sotto quell'albero che si può ancora visitare oggi in India, se ben ricordo.

greendevil
27th May 2008, 01:21
Il mare è simbolo della madre o del materno mi pare.

Non è detto che l'albero nel buddismo sia "stato scelto apposta", Shakyamuni potrebbe essersi benissimo seduto sotto quell'albero che si può ancora visitare oggi in India, se ben ricordo.

Sempre saputo che nella "mitologia" occidentale il mare fosse simbolo di espansione e di libertà. Della filosofia orientale conosco solamente ciò di cui ha parlato Schopenauer, a essere sincero :asd:

julietteki
27th May 2008, 01:31
Beh no, il mare (o meglio lo specchio d'acqua in generale) è la vita, e di conseguenza il suo opposto (per rigenerazione ed equilibrio).

Pensa a Venere che nasce dalla spuma del mare, pensa a Teti che bagna Achille per renderlo immortale.
Oppure pensa all'usanza di seppellire i morti adagiandoli in un naviglio (per es. nel ciclo di Artù).

O pensa al diluvio universale :|

greendevil
27th May 2008, 01:58
Beh no, il mare (o meglio lo specchio d'acqua in generale) è la vita, e di conseguenza il suo opposto (per rigenerazione ed equilibrio).

Pensa a Venere che nasce dalla spuma del mare, pensa a Teti che bagna Achille per renderlo immortale.
Oppure pensa all'usanza di seppellire i morti adagiandoli in un naviglio (per es. nel ciclo di Artù).

O pensa al diluvio universale :|

Beh penso che il mare e l'oceano siano concetti differenti. Dato che ne conoscente più di me, non c'era scritto qualcosa pure in un libro sacro Indù a proposito della divinità che ne nasceva?

Comunque, tornando al mare: il concetto d'infinito il mare lo ha, ma è un infinito ripetitivo, una sorta di Nirvana Schopenauriano. C'è anche il mare infinito di Leopardi (e il naufragar mi è dolce in questo mare).
Per quanto riguarda il concetto di libertà, c'è il mare di Dante con Ulisse, anche se è una libertà "negativa".

julietteki
27th May 2008, 02:05
(e il naufragar mi è dolce in questo mare)

E 'l naufragar m'è dolce in questo mare. E non devi confondere la metafora col simbolo.

Il mare in cui muore Ulisse è la punizione della hybris, non è l'infinito.

greendevil
27th May 2008, 15:24
E 'l naufragar m'è dolce in questo mare. E non devi confondere la metafora col simbolo.

Il mare in cui muore Ulisse è la punizione della hybris, non è l'infinito.

Ma infatti ho correlato il mare alla libertà, libertà d'azione che appunto va oltre ai limiti di moralità divina, e che provoca l'hybris.
Per l'Infinito, non è poi un così grosso problema, come l'ho scritto la metrica non cambia :asd:

julietteki
27th May 2008, 18:09
C'è un piccolo problema, e cioè che tu stai cercando di analizzare simboli classici (= dell'epoca classica) con i tuoi strumenti contemporanei.

Ora, puoi divertirti quanto ti pare a passare di analogia in analogia e realizzare un'equazione Mare = libertà, ma stai operando passaggi indebiti.

E questo semplicemente perché, per quegli antichi li', il simbolo del limite da non oltrepassare erano le colonne d'Ercole, e non il mare. Né poteva essere altrimenti per un popolo che sul mare (e di mare) viveva.

Attenzione che l'anacronismo è dietro l'angolo, e ti guarda bruttissimo, ti guarda. (E pure Leopardi, detto per inciso).

greendevil
29th May 2008, 17:45
C'è un piccolo problema, e cioè che tu stai cercando di analizzare simboli classici (= dell'epoca classica) con i tuoi strumenti contemporanei.

Ora, puoi divertirti quanto ti pare a passare di analogia in analogia e realizzare un'equazione Mare = libertà, ma stai operando passaggi indebiti.

E questo semplicemente perché, per quegli antichi li', il simbolo del limite da non oltrepassare erano le colonne d'Ercole, e non il mare. Né poteva essere altrimenti per un popolo che sul mare (e di mare) viveva.

Attenzione che l'anacronismo è dietro l'angolo, e ti guarda bruttissimo, ti guarda. (E pure Leopardi, detto per inciso).

Errore in cui sono ricaduto spesso, persino nel considerare ironico Petronio perché aveva reso i due viaggiatori pederasti. Mi concedo il diritto di studiare un pò l'argomento e di chiedere in giro, a raccogliere prove e al massimo averci guadagnato nel capire di essere stato nel torto :asd:

The Dread
20th June 2008, 01:07
Però le colonne d'Ercole non erano altro che un punto in qualcosa che non ha confini.
Il mare come sibolo di infinito e le colonne d'ercole come il nomos, le mura della città che non devono essere superate.
Quindi la ua lettura non è assolutamente anacronistica, e si combina perfettamente con la tua.

Ah e nel caso avessi sbagliato qualcosa in Italiano, correggimi perchè non ho voglia di rileggere.

Gho57_of_JqK
20th June 2008, 18:00
è tanto che non passavo in filosofia :asd:

Fin dai tempi più antichi gli alberi erano connessi con gli dei e con le forze mistiche della natura. Ogni nazione aveva il suo albero sacro, con particolari caratteristiche ed attributi basati, come spiegano gli insegnamenti esoterici, su proprietà naturali e qualche volta anche su proprietà occulte.

Con il peepul (fico selvatico) o Ashvattha dell'India, abitazione dei Pitri (in effetti elementali) di ordine inferiore, divenne in tutto il mondo l'albero-Bo o ficus religiosa dei Buddisti, perchè sotto tale albero Gautama Buddha raggiunse la più alta conoscenza e il Nirvana.

Il frassino Yggdrasil è l'albero del mondo dei norvegesi e degli scandinavi.

L'albero banyan (ficus-bengalensis) è il simbolo dello spirito e della materia che scendono sulla terra, prendono radice e poi nuovamente ascendono verso l'alto.

Il Palasa trifoglie è un simbolo della triplice essenza dell'Universo, cioè Spirito, Anima e Materia.

L'oscuro cipresso era per i messicani l'albero del mondo, ed ora, secondo i Cristiani e i Maomettani, è l'emblema della morte, della pace e del riposo.

Sebbene ora sia quasi scomparso dalla terra delle mummie, l'abete era ritenuto sacro in Egitto e la pigna era portata nelle processioni religiose; erano anche sacri il sicomoro, il tamarice, la palma e la vite.

Il sicomoro in Egitto, ed anche in Assiria, era l'Albero della Vita. Ad Eliopoli era consacrato ad Hathor; ora, nello stesso posto, è consacrato alla Vergine Maria.

Il suo succo era prezioso per i suoi poteri occulti, come lo è il Soma per i Brahmani e l'Haoma per i Parsi. 'Il frutto e il succo (o linfa) dell'Albero della Vita procurano l'immortalità '.

Un intero volume potrebbe essere scritto su questi alberi sacri dell'antichità senza esaurire l'argomento, e il rispetto per alcuni di questi alberi è continuato fino ai nostri giorni.

L'Albero della Vita, o Albero Ashvatta, ha le radici in Cielo, che escono dalla Radice senza radici dell'Essere Assoluto, il tronco che cresce e si sviluppa attraverso i piani del Pleroma e proietta i suoi rami rigogliosi fino a toccare il piano terrestre.

La sua distruzione conduce all'immortalità. Quando i suoi rami puri toccarono il fango terrestre del Giardino dell'Eden si contaminarono.

Nello spazio e nel tempo, ad esso furono associati diversi simboli : Parabraman è il suo seme, Mahat il tronco, i rami sono il grande Egoismo, nella cavità dei rami si trovano i germogli, ovvero i Sensi, i rami minori sono sempre carichi di foglie e di fiori.

Nella Cabala, l'Albero della Vita è la Croce Ansata nel suo aspetto sessuale. Dalle sue radici cresce l'Albero della Conoscenza del Bene e del Male. Talvolta, con questo termine si indica Gesù o gli Adepti della Buona Legge.

In India esso si chiama anche il Bianco Haoma, il Gao Kerena. Haoma è in Cielo come in Terra. L'Iniziato rinasce dopo la crocifissione sull'Albero della Vita.

Si tratta di una immagine simbolica relativa ad una delle prove che l'Adepto deve superare durante il processo di iniziazione.

Kalidor
21st June 2008, 00:32
La sua distruzione conduce all'immortalità..

:look:

C'è odore di scoreggia :asd:

Humus
14th July 2008, 15:30
Se interessa dopo scannerizzo un paio di pagine dal Dizionario delle immagini e dei simboli biblici, ieri lo sfogliavo per altri motivi e mi sono ricordato di questo thread :sisi:

Kalidor
14th July 2008, 16:06
Anche io ho trovato delle cazzate sulle porte equinoziali sui libri di Guenon, ma alla fine frega niente degli alberi.

Comunque


vedo gli uomini.. come gli alberi che camminano (cit.)
/
http://www.weirdwildrealm.com/filmimages/sixthsense.jpg

Humus
14th July 2008, 21:33
In formato immagine. Quella sx è in formato elevato, forse troppo scomoda. La seconda è in risoluzione più bassa ma magari risulta meno leggibile. Sotto ho caricato in PDF ma non so se l'upload si è concluso perchè s'è bloccato tutto.


http://img390.imageshack.us/img390/5607/img0001sy0.th.png (http://img390.imageshack.us/my.php?image=img0001sy0.png)......http://img370.imageshack.us/img370/8776/img0001dp4.th.png (http://img370.imageshack.us/my.php?image=img0001dp4.png)




In formato PDF qui (http://www.imageshack.us/?pickup=80123837274693). Il codice da inserire è il seguente: 80123837274693

Ovviamente, essendo io incapace, ignoro se l'upload sia andato a buon fine, mi pare tutto bloccato, poi ditemi :argh:

Kalidor
15th July 2008, 00:54
Si vedono.

Strano non nomina la mia cit. :asd:

Il verso dell'Apocalisse darebbe ragione a Julietteki, in quanto l'albero che produce 12 raccolti e dà frutti ogni mese potrebbe essere un riferimento astrologico. Ma anche boh.

Interessante la questione sul non-dualismo. Sembra un riferimento all'esoterismo, cosa strana per un libro sul cristianesimo.

Il "due" però credo compaia già con la creazione, come dalla Torah che inizia con la lettera ebraica Ba, che ha valore "2": il dualismo è l'origine della creazione, mentre l'Aleph è lettera riservata a Dio che trascende la creazione (e quindi gli opposti).

Non a caso i due alberi vi erano già prima, ed è Dio stesso a porre la distinzione nella Genesi.

E' problematico, come d'altronde credo sia teologicamente, il fatto che Dio in quanto trascendente gli opposti sia necessariamente la fonte degli stessi con la creazione, quindi la fonte del male.

Questo credo sia in contrasto con la dottrina che vede il male come "allontanamento dal bene", che tenta di mitigare la questione, almeno a mio parere senza successo.

sic
15th July 2008, 02:35
http://www.ferrero.it/hidimg/ferrero_estathe_limone_1.jpg

:rotfl:

Humus
15th July 2008, 19:29
E' problematico, come d'altronde credo sia teologicamente, il fatto che Dio in quanto trascendente gli opposti sia necessariamente la fonte degli stessi con la creazione, quindi la fonte del male.

Questo credo sia in contrasto con la dottrina che vede il male come "allontanamento dal bene", che tenta di mitigare la questione, almeno a mio parere senza successo.

Nella dottrina cattolica il male non ha spiegazione, ne teologica, ne convincente.

Sarebbe inoltre sbagliato dare una visione estrema di bene e male. Non sono due entità distinte. Non si può parlare di bene e male come se si indicasse una entità come un lago, un terreno una macchina, una persona o Dio o Satana.

Così possiamo solamente dire che il bene assoluto è in Dio. Per cui ciò che proviene da Dio (carismi, fede ecc) e ciò che rispetta e segue la volontà di Dio è bene.

Ciò che si oppone al bene si oppone alla volontà di Dio. Per cui un omicidio, un adulterio ecc rappresentano un allontanamento (in misura differente) da ciò che è bene e lo identifichiamo quindi come male.

Ora, Satana e le altre creature demoniache non sono il male ma agiscono nel male, fanno il male, si oppongono al volere di Dio (che noi identifichiamo come bene).

Per cui il male sgorga da Satana esattamente come può sgorgare dall'uomo.

Un certo esorcista, che quindi ha (o avrebbe, a scelta vostra) a che fare con demoni rinforza questo concetto. Ovvero Satana è certamente origine del male, ma non tutto il male è generato da una azione demoniaca. Spesso infatti l'uomo basta e avanza. Altre volte l'uomo è forte ed è Dio a permettere che egli venga colpito dal male, per metterlo alla prova.

Questa visione di Dio che permette il male è rinforzata anche dalle recenti apparizioni di Medjugorje in cui la Vergine indica questo secolo come il secolo di maggior forza di Satana. Dovuto al permesso di Dio a Satana di tentare la Chiesa per 100 anni, con la certezza che essa resisterà (dopotutto si dice "non praevalebunt"). Secolo anche, sempre secondo queste apparizioni, che segnerà la fine del mondo.

La visione dulaista bene male è tipica del mondo protestante e non è aliena al mondo cattolico. Per riassumere: esiste solo il bene, ciò che è male è l'azione che contrasta il bene. Dire che Satana = Male non ha valenza nel cattolicesimo. Perchè se è vero che Dio = Bene è anche vero che è lo stesso Dio ad aver generato Satana. Questi ribellandosi non fa altro che scegliere in maniera libera di allontanarsi da Dio agendo contro il bene, in mancanza di bene. Ed è sempre Dio a permettere a Satana di agire ed è Lui che permette a Satana di esistere, nel ripetto di una libertà donata a tutte le creature.

Stringendo: non esiste il Dio del Bene vs Satana re del Male.

Si dovrebbe parlare per completezza della libertà umana, ormai ferita, della genesi e della maledizione che colpisce il Serpente e del diverso destino dell'uomo. Ma viene lunga la cosa e non sono nemmeno tanto buono in argomento.

Se vogliamo vedere come invece viene visto il male a livello popolare... nella comunità cattolica per molti fedeli il male è legato al peccato originale, quindi c'è una visione che penso sia simile a quella di San Agostino. Un uomo peccatore per natura, conseguentemente ad un peccato originale.

Su questa debolezza (che poi viene chiamata concupiscenza) fa leva Satana. Ma molti cattolici vedono ancora nel fulmine che colpisce casa una vendetta divina, c'è una credenza per cui Dio punisce. Punisce mandando persone all'inferno, per esempio o uccidendone altre o facendole nascere con malformazioni. Alcune di queste credenze sono chiaramente frutto di ignoranza, altre sono quesiti che non hanno risposta.

Si finisce quindi per vivere un cattolicesimo di paura. Tanto che trovi cattolici che vivono nel timor di Dio, con attrizione. Nonostante il timor di Dio sia legato a culti pagani ed ebraici.

Ci sono poi spiegazioni teologiche a fiotti, nessuna di quelle che ho letto è convincente e non credo nemmeno che alcuna potrà mai esserlo. In ogni caso quel che ho scritto è molto superficiale e probabilmente molto sbagliato, sono argomenti di cui ho letto qualcosa ma per ora non ho approfondito nonostante la rilevanza.

Kalidor
15th July 2008, 21:08
Sono rilevanti ma molto astratti, sarà quello il problema.

Un paio di cose: se Satana è origine del male, allora ciò che l'uomo fa di male lo fa per forza grazie a Satana, oltre che per sua scelta. Il fatto che l'uomo sia peccatore per via del peccato originale, più che una dottrina cattolica popolare, mi sembra un dogma assodato, o no?

Riguardo a Medjugorie, non è forse ancora in fase di accertamento tale apparizione? Anche considerando che se la Chiesa stessa accettasse una dottrina che prevede la fine del mondo entro la nostra generazione sarebbe strano. E neanche a me convince tanto, come le varie teorie 2012 :asd:

Humus
15th July 2008, 23:39
Un paio di cose: se Satana è origine del male, allora ciò che l'uomo fa di male lo fa per forza grazie a Satana, oltre che per sua scelta. Il fatto che l'uomo sia peccatore per via del peccato originale, più che una dottrina cattolica popolare, mi sembra un dogma assodato, o no?

:look:

Satana non è origine del male perchè il male è inteso come azione contrastante il bene. Quindi ciò che è lontano dal bene. Come paragone prendi l'inferno cattolico inteso come luogo si separato dal Paradiso, ma non caratterizzato dalla vicinanza a Satana bensi dalla lontananza da Dio.

Satana non è l'opposto del bene (Dio) ma è una creature che agisce liberamente e la sua azione è ribelle e opposta a quella del bene (Dio). Ma Satana non è il male, è una creatura che agisce per il male.

Come dicevo l'uomo non necessariamente è spinto da demoni e satanassi nelle sue azioni malvagie e nei peccati, ha di per se un handicap. Immagina l'uomo come perfetto. Sceglie il bene. Immagina ora luomo come un po' cieco e un po' zoppo (peccato originale). Rischia di cadere. Ora immaginalo in mezzo a mille persone su un percorso ricco di ostacoli posti col fine di farlo inciampare... cade più facilmente ancora.

Gli esorcisti dicono che ci sono azioni demoniache che spingono l'uomo a certe azioni o che lo inducono in tentazione. Tuttavia l'uomo di suo è già ben messo... spesso senza bisogno di spinte è in grado di fare del male. Per esempio? Una persona egoista, una persona invidiosa che preferisce togliere agli altri ciò che non ha anzichè conquistare quel qualcosa. Sono caratteri umani... l'individualismo, l'egocentrismo ecc...

Non so spiegarlo meglio... dovrei impegnarmi troppo :argh:

Bisogna ricordare che quando si parla di azione nel male si parla di peccato. Non occorre necessariamente un handicap (una ferita come il peccato originale) per compiere un peccato.
Pensa proprio a Satana: angelo descritto come

Diabolus enim et alii dæmones a Deo quidem natura creati sunt boni, sed ipsi per se facti sunt mali – Il diavolo infatti e gli altri demoni sono stati creati da Dio naturalmente buoni, ma da se stessi si sono trasformati in malvagi

Un angelo, quindi perfetto e buono sceglie di andare contro Dio. La definizione (http://www.vatican.va/archive/ITA0014/__P69.HTM) di peccato infatti è:

una mancanza contro la ragione, la verità, la retta coscienza; è una trasgressione in ordine all'amore vero, verso Dio e verso il prossimo, a causa di un perverso attaccamento a certi beni. Esso ferisce la natura dell'uomo e attenta alla solidarietà umana. E' stato definito “una parola, un atto o un desiderio contrari alla legge eterna”

Questo chiarisce ancor di più come Satana non sia il dio del male, ma una entità (una legione) che agisce contro ciò che è Dio, cioè contro il bene. Bene che invece troviamo racchiuso in Dio.

La potenza di Satana però non è infinita. Egli non è che una creatura, potente per il fatto di essere puro spirito, ma pur sempre una creatura: non può impedire l'edificazione del regno di Dio. Sebbene Satana agisca nel mondo per odio contro Dio e il suo regno in Cristo Gesù, e sebbene la sua azione causi gravi danni – di natura spirituale e indirettamente anche di natura fisica – per ogni uomo e per la società, questa azione è permessa dalla divina provvidenza, la quale guida la storia dell'uomo e del mondo con forza e dolcezza. La permissione divina dell'attività diabolica è un grande mistero, ma « noi sappiamo che tutto concorre al bene di coloro che amano Dio »

Però ci sarebbe da spulciare molto sul catechismo per chiarire molti passaggi e io in questo argomento sono abbastanza nuovo :argh:

Ci sarebbe da fare un accenno al peccato originale ma non farei che copiare dal Catechismo, ammetto la mia ignoranza in argomento :argh:


Riguardo a Medjugorie, non è forse ancora in fase di accertamento tale apparizione? Anche considerando che se la Chiesa stessa accettasse una dottrina che prevede la fine del mondo entro la nostra generazione sarebbe strano. E neanche a me convince tanto, come le varie teorie 2012 :asd:La Chiesa se approverà Medjugorje o farà alla fine del ciclo di apparizioni, come sempre è accaduto. Tutt'ora ci sono critiche e credenze provenienti dagli stessi ambienti, sia dell'alto clero dia dai sempplici fedeli. In parte delusi (da cosa mi chiedo io... vanno la e pensano di trovare qualcosa che li stravolga..) ed in parte convinti da qualche sensazione.

Inoltre la Chiesa, molto banalmente,è prudente. Se si rivelasse una pagliacciata ci rimetterebbe la faccia, se fossero genuine e portassero affermazioni contrastanti i dogmi cosa accadrebbe? Ovviamente quet'ultimo pericolo è inesistente, sono io che con cinismo lo inserisco.

Non riporto nulla delle veggenti e dei messaggi perchè è reperibile facilmente su internet tutto. Sono molto forti, sicuramente colpiscono.

Tuttavia la veridicità della apparizioni rischia di esser chiarita col tempo, senza necessità che la Chiesa intervenga. Questo fa ritenere già da subito che esse siano reali, o che le veggenti cerchino guai in tempi brevi.

Prendo uno dei tanti messaggi:

Tutti i segreti che ho confidato si realizzeranno e anche il segno visibile si manifestera' Ma non aspettate questo segno per soddisfare la vostra curiosita'. Questo, prima del segno visibile, e' un tempo di grazia per i credenti. Perci convertitevi e approfondite la vostra fede! Quando verrïa' il segno visibile, per molti sara' gia' troppo tardi.

E a questo aggiungo che la Madonna ha detto che queste apparizioni sono le ultime, non apparirà più a nessuno. Concluse queste apparizioni inizieranno a manifestarsi i 10 segreti (custoditi da un prete tedesco che sceglierà se renderli noti o no con un anticipo di 3 giorni), fino alla conclusione di essi e, se non ricordo male, con l'ultimo si concluderà letteralmente tutto.

Aggiungiamo che in tutte le apparizioni mariane la vergine si rivolge a delle persone di giovane età, incapaci di organizzare complotti o montare pagliacciate credibili...

Per cui, appena finite le apparizioni, siccome la Vergine ha parlato di "questa generazione" e tenendo conto che la veggente che riceve ancora messaggi ha circa 40 anni... beh, qualcosa si chiarirà prima dell'intervento del Magistero.

Ci sono poi aparizioni come quella di Garbandal in cui la Vergine dice:

Che, morto Giovanni XXIII (1963), mancavano solo tre Papi per "la fine dei tempi

Se non sbaglio a ricordare dopo Giovanni XXIII sono succeduti Papa Paolo VI Papa Giovanni Paolo I e papa Giovanni Paolo II... son già tre e nulla è accaduto. C'è da aggiungere che a Garbandal si è verificato un miracolo annunciato e quindi documentato (pare con una videocamera, io non ho trovato il video) in cui appare una particola consacrata nella bocca della ragazza.

Per cui alla fin fine meglio star ben attaccati al Vangelo o si finisce per diventare fedeli alla ricerca di emozioni... affascinano, attirano queste apparizioni ma rischiano spesso di scaldare il cuore in breve tempo e lasciarlo raffreddare finita l'emozione e la sorpresa iniziale.

Kalidor
16th July 2008, 00:02
No è che mi confondevo qui:

Ovvero Satana è certamente origine del male, ma non tutto il male è generato da una azione demoniaca. Spesso infatti l'uomo basta e avanza.

Ma onestamente questa intepretazione non mi convince. E' troppo letterale, ed è frutto di ragionamenti e deduzioni logiche tratte secondo un filo che probabilmente si discosta molto dalla realtà.

Perché non una lettura simbolica? Satana non è altro che il tentatore, qualunque sostanza metafisica gli si voglia dare, che importanza ha?

Per cui alla fin fine meglio star ben attaccati al Vangelo o si finisce per diventare fedeli alla ricerca di emozioni... affascinano, attirano queste apparizioni ma rischiano spesso di scaldare il cuore in breve tempo e lasciarlo raffreddare finita l'emozione e la sorpresa iniziale.

Beh tu hai menzionato Medjugorie. Dal mio punto di vista è irrilevante la questione, soprattutto gli avvertimenti di dannazione eterna mi convincono ben poco.

Il grosso problema è che la questione "fine del mondo" è puzzolente, dal mio punto di vista. Ne parlano in troppi, nella new age per esempio. Persino il nostro presidente iraniano prega l'Imam nascosto per la venuta del Mah'di.

E anche lui dice che questo mondo è dominato da Satana, solo che Satana siamo noi occidentali e il bene è lo sterminio :asd:

Humus
16th July 2008, 00:15
Ma onestamente questa intepretazione non mi convince. E' troppo letterale, ed è frutto di ragionamenti e deduzioni logiche tratte secondo un filo che probabilmente si discosta molto dalla realtà.

No beh, ti capisco, io sono di campagna e molte di queste questioni le leggo ma non le faccio mie. Per me non c'è tanto da parlare, trovo che ci sia una tendenza a fare i propri interessi, a seguire comportamenti opportunistici e di interesse. Quindi mi ritrovo in Sant'Agostino, ma magari per carattere solo :asd: .

Ci sono le questioni angeliche, ma essendo di eredità ebraica e aggiungendo il fatto che Gesù non li menziona mai, credo sia inutile una lettura così letterale della "cosmologia" biblica.Racconta :sisi:




Beh tu hai menzionato Medjugorie.Questa tua affermazione mi lusinga, sembra quasi che io parli con cognizione di causa :argh: . Io dico le cose a caso come mi passano in testa, ho parlato di Medjugorje per fare un quadro a 360 sull'azione di satana, poi mi perdo e finisco... a fare come i vecchi rincoglioniti a cui chiedo una cosa e ti parlano di un'altra.


Il grosso problema è che la questione "fine del mondo" è puzzolente, dal mio punto di vista. Ne parlano in troppi, nella new age per esempio. Persino il nostro presidente iraniano prega l'Imam nascosto per la venuta del Mah'di.

E anche lui dice che questo mondo è dominato da Satana, solo che Satana siamo noi occidentali e il bene è lo sterminio :asd:L?unica cosa iportante è la rivelazione universale. Se poi la madonna viene a parlare anche a me ci darò certamente più peso. Per ora, anche volendo, riesco al massimo a farmi coinvolgere emotivamente da queste apparizioni che sento lontane dalla mia cultura e modo di viver la fede. però attenzione a non parlarne troppo male che anche io ho un po' di timor di Dio, son pur sempre campagnolo :sisi:

Possiamo concludere dicendo che Ahmadinejad non ha tutti i torti :sisi: Non ha nemmeno tutte le ragioni eh...

Kalidor
16th July 2008, 00:59
Io sono ancora più neofita di te, in questioni di fede. Sono solo erudito in cose particolari :asd:

Racconta :sisi:

Non vorrei dire cazzate. Io vedo il cristianesimo come simbolico. Non sto dicendo che Gesù non vada visto come persona realmente esistita, o negare la lettura storica in ottica fideistica; tuttavia questioni quali Satana, entità metafisiche, bestie di mare etc.. sono rappresentazioni tramite il mito per far comprendere la realtà sottostante, inesprimibile in termini umani, che non ha a che fare con esistenze fattuali e metafisiche di entità, luoghi, avvenimenti da leggere letteralmente.

Credo riguardi appunto la realtà del cuore, o dello Spirito, e le "vicessitudini" a esso collegate.

Considera che la Messa è del tutto simbolica, eppure nessun cristiano negherebbe che ci sia il corpo di Cristo nell'eucaristia.

Non vede tuttavia nessun Cristo fisico lì davanti, allo stesso modo non vedo perché i simboli metafisici vadano letti come fattuali e alla lettera.

Soprattutto il messaggio d'amore cristiano è espresso con una serie di simboli, partendo dalla stessa storia di Gesù nel vangelo, finendo con le parabole.

Non serve a niente comprendere le vicende letterali, quanto il significato che tale simbolismo comunica e l'imperativo di seguirlo secondo cuore, non secondo una lettura logica o analitica. Farlo sarebbe come tentare di trarre equazioni e regole dall'amore, cosa impossibile.

Giusto per tirare fuori il "big problem" come esempio concreto di ciò di cui parlo: http://www.taize.fr/it_article2900.html

So comunque che a Taizé sono protestanti, quindi possono dire di queste cose :look:

Quasi quasi proseguirei in PM :asd:

]Ter'Angreal[
16th July 2008, 11:22
humus satana E' il male :afraid:

è compagno in tutto il mondo:

Allora il demone Mara scatenò contro di lui gli angeli del male. I dieci legami interiori si presentarono tutti: il desiderio dei sensi, la lussuria, il dubbio, l'ignoranza, la fede cieca, il desiderio di fama, la presunzione, l'odio, l'orgoglio, l'egoismo. Ma Siddhartha non vacillò e disse: 'Se anche l'universo intero fosse pieno di demoni e ciascuno possedesse quale arma una Montagna Cosmica, essi non potrebbero nemmeno torcermi un capello e meno ancora colpirmi a morte'.

satana/mara chiamalo come vuoi è un modo allegorico per denominare il male.. vedilo come un simbolo

Kalidor
16th July 2008, 16:52
Io lo contemplo appunto come la tentazione, la concupiscenza come ha detto Humus. Non vedo perché ci siano tentazioni proposte da satana e altre no. L'egoismo è una tentazione, non serve essere molto determinati a seguire il bene per essere tentati (credo).

Satana poi si scrive con la s minuscola quindi non è un nome di persona :asd:

Gho57_of_JqK
16th July 2008, 22:26
Il bene ed il male, due facce della STESSA medaglia.

]Ter'Angreal[
17th July 2008, 02:32
meglio così, che palle se fosse tutto bello, buono e già illuminato.. semplicemente non esisterebbe nulla :asd:

PowerGun
15th December 2008, 17:22
Thchao bella, je vois que tu es toujours empetrée dans tes questions metaphysiques (au fait pour info on a résolu la métaphysique, on ne trouve plus que des réponses..mais elles sont tellement vieilles et usées qu'il faut mettre ces lunettes !), espère que tu portes pas trop mal, salut la prof qui professe, pas la messe, non, no :sborone:






Diverse dottrine simboleggiano l'ascesa (o la discesa) attraverso l'Albero. Cristo viene assunto al cielo mediante il passaggio sulla croce (costruita col legno di un albero), Siddhartha raggiunge la buddhità ai piedi dell'albero, ad Angkor Vishnu è rappresentato sulla base, sul tronco e sulla cima dell'albero della Boddhi.

Allo stesso tempo, nello Zohar l'Albero della vita si estende dall'alto verso il basso, nelle Upanishad l'universo è un albero rovesciato.

Nei Tarocchi, la lama del cambiamento è l'arcano XII, l'Appeso.

Quando e se ne avrete voglia, vorrei le vostre riflessioni sul rapporto fra questi elementi (ed altri, naturalmente).

Saluti e baci.

http://img186.imageshack.us/img186/9656/masacciocrocifissione14xi9.th.jpg (http://img186.imageshack.us/my.php?image=masacciocrocifissione14xi9.jpg)

Kalidor
15th December 2008, 20:16
:rotfl:

Humus
15th December 2008, 22:34
What what?

Duke#
16th December 2008, 09:34
che bello, qualcosa di divertente anche in questa sezione!
i piccoli regali di google translate :asd:

PowerGun
17th December 2008, 01:07
yep, it's funny so :
logotipos l' outro nome de Deus e .....

PowerGun
17th December 2008, 01:15
fundamentum, cui omnis humana certitudo niti posse ... videtur
enchanté

Qfwfq
23rd December 2008, 17:23
Diverse dottrine simboleggiano l'ascesa (o la discesa) attraverso l'Albero. Cristo viene assunto al cielo mediante il passaggio sulla croce (costruita col legno di un albero), Siddhartha raggiunge la buddhità ai piedi dell'albero, ad Angkor Vishnu è rappresentato sulla base, sul tronco e sulla cima dell'albero della Boddhi.

Allo stesso tempo, nello Zohar l'Albero della vita si estende dall'alto verso il basso, nelle Upanishad l'universo è un albero rovesciato.



Così come nella mitologia nordica Óðinn, trafitto dalla propria lancia, rimane appeso per nove giorni e nove notti a Yggdrasil, l'albero del mondo, onde ottenere la conoscenza delle diciotto rune magiche. Proprio ieri stavo riflettendo per caso su questa serie di convergenze: in primis su Odino che sacrifica se stesso appeso a Yggdrasil, così come Cristo sacrifica se stesso, trafitto dalla lancia di un legionario, appeso alla Croce: che, come suggerito da San Bonaventura nel Lignum vitae, è a sua volta Arbor vitae paragonato all'albero di Eden. E se quello di Eden è l'albero della conoscenza del bene e del male, è sacrificandosi sui rami di Yggdrasil che Odino ottiene la conoscenza delle rune; che sono a loro volta in numero di diciotto, multiplo del nove caro alla simbologia nordica. Numero caro anche ai cristiani in quanto frutto del tre, numero perfetto simboleggiante la Trinità, moltiplicato per se stesso. Ma in ambito numerologico le convergenze sono sin troppo frequenti, ragion per cui tenderei a scartare l'argomentazione ultima in favore della prima. Il punto è che il mito di Odino e Yggdrasil è tratto dall'Hávamál, testo risalente nel migliore dei casi al X secolo; ergo, non posso escludere influssi diretti del cristianesimo che ridurrebbero il discorso delle convergenze al mero frutto di un processo di contaminazione culturale.

PowerGun
3rd January 2009, 14:06
Suspendu afin qu'il réflechisse, car du haut d'un arbre on domine le monde et on le regarde enfin. S'il réflechit il obtiendra la connaissance, calmera ses ardeurs et causera moins de destructions.
L'elevation est un sacrifice.
il n'y a qu'une seule vérité refletant toutes les autres, mais c'est ton implacable Vérité parmi les autres que tu te dois de découvrir. Tout cela n'est qu'un livre de sable

Duke#
4th January 2009, 04:13
un ban?

PsYchotiK
4th January 2009, 04:46
Dai è simpatico, cita pure Borges.

Kalidor
4th January 2009, 17:27
Più che altro qualcuno dovrebbe avvertirlo che julietteki è di nuovo sparita da eoni.

PowerGun
4th January 2009, 18:27
non scompare mai realmente..
ed essa n' non è il centro del mondo..
questo qu' essa a dire resto molto limitato :mexe:

Duke#
4th January 2009, 23:05
ho capito solo :mexe:

PowerGun
5th January 2009, 09:09
:malol:

Kalidor
5th January 2009, 16:31
:sbonk: